Categorie
Genesis Videogiochi

Inside un altro mondo

Spoiler: questo articolo fa parte di una collana dedicata ai giochi della generazione che va morendosi.

L’obiettivo è unicamente presentare i giochi che ho provato a fondo e che mi sono piaciuti in maniera particolare, per svariati motivi. Al gentile pubblico sia noto che non si vuole qui e ora selezionare quelle che ritenga essere, in senso assoluto, le migliori uscite della generazione PS4/XB1 (e Wii U/Switch).

Non mi ricordo granché di Inside (qui la mia recensione per IGN Italia), così come non riesco a individuare particolari passaggi di Limbo, il primo gioco di PlayDead, quello che assicurò al team nordeuropeo un posto sotto ai riflettori. Mi era piaciuto abbastanza, non troppo, non tanto da giustificare il riproporsi di quell’avventura ad alto contrasto e mille sfumature di nero, ma lì la questione era un’altra. Limbo era diventato, assieme a Braid di Jonathan Blow e a Castle Crashers di The Behemoth, il tedoforo del videogioco indipendente.

Inside rientra nel noioso, ma perfettamente adeguato, discorso del secondo album: quello della conferma. PlayDead è scomparsa per un bel numero di anni, avvolta nel mistero mentre al lavoro sulla sua prossima scommessa: giusto un veloce scostare il velo a un qualche incontro di Xbox pre-E3 e poi, di nuovo, l’oblio.

Categorie
Genesis Videogiochi

Un ballo mentre si poga: Uncharted 4

Spoiler: questo articolo fa parte di una collana dedicata ai giochi della generazione che va morendosi.

L’obiettivo è unicamente presentare i giochi che ho provato a fondo e che mi sono piaciuti in maniera particolare, per svariati motivi. Al gentile pubblico sia noto che non si vuole qui e ora selezionare quelle che ritenga essere, in senso assoluto, le migliori uscite della generazione PS4/XB1 (e Wii U/Switch).

La mia storia con Uncharted 4: Fine di un ladro, comincia con un inseguimento. Immaginatevi la scena: tangenziale est di Milano, metà mattina di un giorno feriale, densità di veicoli facilmente presumibile. Il primo tentativo di consegna della copia review del gioco si è spento in un incrocio di insulti tra il vostro caro e il servizio assistenza del corriere deputato, mi pare UPS. Il secondo, perso un intero e prezioso weekend*, è questo: quello che segue l’avviso perentorio alla sede dei postini accelerati, “vengo io, tenete il pacchetto lì da voi”. Tutto è apparecchiato alla perfezione perché si scivoli facilmente nello psicodramma.

E le attese vengono ripagate, perché dopo essermi divincolato nel dedalo di viuzze della zona industriale in cui sonnecchia il centro smistaggio del corriere, mi viene recapitato un messaggio dall’aldilà: il pacchetto è stato rimesso in consegna.

Categorie
Videogiochi

Super Mario Odyssey: curb your enthusiasm

Sono andato a rileggermi la recensione di Super Mario Odyssey che ho scritto per IGN Italia, quasi tre anni fa, ma fortunatamente non c’è traccia della rivelazione che mi ha svoltato un tranquillo pomeriggio estivo. Ieri ho ripreso in mano il gioco, anzi, a dirla tutta ho ritrovato il gioco “attivo”, risvegliando Switch dal suo torpore. Lo avevo lanciato un paio di giorni prima, per far fare qualche giro in libertà al tizio ridotto che ci accompagna in queste vacanze.

Invece di chiudere Super Mario Odyssey e rimettermi su Paper Mario: The Origami King, sono rimasto a bighellonare nei panni più tradizionali del mutandone coi baffi. Anche perché Origami King mi si sta rivelando una discreta noia. Così, per una quarantina di minuti, mi sono lanciato da un angolo all’altro del Regno delle Cascate di Odyssey, quello con il tirannosauro che, in uno dei primi trailer, aveva già lasciato intendere il melting pot totale che avrebbe caratterizzato il primo gioco di Mario per Switch.