Categorie
Genesis Videogiochi

Un ballo mentre si poga: Uncharted 4

Spoiler: questo articolo fa parte di una collana dedicata ai giochi della generazione che va morendosi.

L’obiettivo è unicamente presentare i giochi che ho provato a fondo e che mi sono piaciuti in maniera particolare, per svariati motivi. Al gentile pubblico sia noto che non si vuole qui e ora selezionare quelle che ritenga essere, in senso assoluto, le migliori uscite della generazione PS4/XB1 (e Wii U/Switch).

La mia storia con Uncharted 4: Fine di un ladro, comincia con un inseguimento. Immaginatevi la scena: tangenziale est di Milano, metà mattina di un giorno feriale, densità di veicoli facilmente presumibile. Il primo tentativo di consegna della copia review del gioco si è spento in un incrocio di insulti tra il vostro caro e il servizio assistenza del corriere deputato, mi pare UPS. Il secondo, perso un intero e prezioso weekend*, è questo: quello che segue l’avviso perentorio alla sede dei postini accelerati, “vengo io, tenete il pacchetto lì da voi”. Tutto è apparecchiato alla perfezione perché si scivoli facilmente nello psicodramma.

E le attese vengono ripagate, perché dopo essermi divincolato nel dedalo di viuzze della zona industriale in cui sonnecchia il centro smistaggio del corriere, mi viene recapitato un messaggio dall’aldilà: il pacchetto è stato rimesso in consegna.

Categorie
Videogiochi

The Last of Us Part II in dieci, comodi, punti

Il 19 giugno ho acquistato la versione digitale di The Last of Us Part II, ieri notte ho finito il gioco e per farlo ho rinunciato volentieri a un po’ di ore di sonno (non era la prima notte, peraltro). Il capitolo precedente mi aveva emozionato e rapito in maniera diversa da quanto avevano fatto, mediamente, i giochi fino a quel momento, qui potete trovare la mia recensione pubblicata su IGN Italia. Questo, però, è proprio un’altra cosa.

Categorie
Videogiochi

Jason Rubin: “I wish I could create world peace”

Jason Rubin @ GDC 2008

Having quitted his very own Naughty Dog a few years ago (2004), Jason Rubin has quietly disappeared from the videogames industry radars. But what has the creator of Crash Bandicoot and Jak & Daxter (and Way of the Warrior) been on lately? Comics. And a weird internet mash up tool that now is part of the MySpace family. Well… what about videogames? Find out reading this short and peace-inspiring interview with the man itself. Enjoy. 🙂

Categorie
Videogiochi

Naughty Dog: Jason steampunk

Naughty Dog Steampunk

Dal 6 marzo alla Gnomon Gallery. Che avrà pure un nome del menga, ma sta comunque a Los Angeles (anzi, a Hollywood: Cauhenga Blvd.) e quindi le viene più facile ospitare i lavori di diciannove artisti di Naughty Dog. Quella Naughty Dog che ha già regalato al mondo perlomeno un peramele (e quando mai il mondo ha avuto bisogno di un peramele, santiddio?) e un tizio con dei problemi all’inamidatura della camicia. Quindi, se passate da quelle parti, fateci pure un salto. Magari dopo aver speso i soliti 200 dollari da Amoeba Music, sigh.
L’immagine qua sopra è solo un esempio delle illustrazioni che verranno esposte e, giusto per non sbagliarsi, è proprio una roba bella bella bella dentro, fuori e tutto intorno (se vi spingete fino al clic c’è in regalo la versione SuperSizeMe). Ha anche un tocchettino di Miyazaki, probabilmente solo grazie alla natura steampunk. Comunque cose belle, talmente belle che mi son chiesto: “ma dove diavolo è finito Jason Rubin col suo Iron and the Maiden?”. Ecco, e visto anche con il consigliore di blog (Audio Radar) si parla sempre di fare cose un filo strutturate, tipo andare a ripescare faccende finite fuori dai riflettori, ché con internet è facile… bene, è stato fatto.