Categorie
Genesis Videogiochi

Metal Gear Solid V: Phantom Pain, a day in the life

Spoiler: questo articolo fa parte di una collana dedicata ai giochi della generazione che va morendosi.

L’obiettivo è unicamente presentare i giochi che ho provato a fondo e che mi sono piaciuti in maniera particolare, per svariati motivi. Al gentile pubblico sia noto che non si vuole qui e ora selezionare quelle che ritenga essere, in senso assoluto, le migliori uscite della generazione PS4/XB1 (e Wii U/Switch).

Per una settimana, solo giorni feriali, mi sono svegliato, ho bevuto un caffè fissando il sole delle ultime settimane d’estate e poi sono salito sulla bici per sudare fino alla stazione del treno. Di quei cinque giorni ricordo l’arietta gentile della mattina e l’umidità porca/maledetta del pomeriggio. Ricordo il disco dei Low a cui facevo spesso affidamento pedalando all’andata e le cuffie che usavo. Era la settimana di Metal Gear Solid V: The Phantom Pain, alla fine dell’agosto 2015. Avevo dovuto interrompere prima le vacanze per tornare e occuparmi della recensione, organizzata (con un certo livello di scorno) negli uffici di Digital Bros. Avessi potuto scegliere, avrei preferito di gran lunga evitarmi le sessioni con orario prefissato (non prima delle 9, non oltre le 18), ma alla fin fine anche quella serie di limiti e di regole hanno alimentato il “mito” di Metal Gear Solid V, ai miei occhi e nella mia memoria. Di quel brevissimo periodo, ricordo proprio tutto.