Decine – 2010: Arcade Fire – The Suburbs

Arcade Fire Suburbs
"The Suburbs" (Arcade Fire) è il miglior disco del 2010 secondo questo blog

Per capire quanto sia riuscito il terzo album degli Arcade Fire è sufficiente scorrere mentalmente le uscite dell’anno, tante e spesso di qualità, nulla che però abbia impedito alla band canadese di portarsi a casa la palma di “miglior disco” secondo chi scrive. Un tempo, quando i dischi si vendevano e contavano qualcosa, il terzo era quello della conferma. Se era una conferma quella che veniva richiesta a Butler e soci, non è facile assicurare che sia arrivata.
La peculiarità più affascinante, rispettabile e “potente” degli Arcade Fire, è la capacità di astrarsi dal mondo discografico che gli si scatena attorno, prendersi due anni di tempo e tornare a far parlare la musica. Su un k-way grande quanto Montreal fanno scivolare spruzzi e scrosci di applausi e di critiche, di domande e di ciniche riflessioni della blogosfera e dell’isterico e inutile mondo del giornalismo musicale americano ed europeo targato internet. Fondamentalmente se ne sbattono, fino a quando nei negozi non compare “The Suburbs”: 60 minuti, 16 brani, il solito squarcio epico su di un mondo pitturato dalla voce di Régine e dei fratelli Butler, dalle parole di Win, dai suoni, dagli arrangiamenti e dai giochi circensi di una band che non può durare, non con questa efficacia cristallina ed epica. Pertanto godiamocela, finché c’è.

Continue reading “Decine – 2010: Arcade Fire – The Suburbs”