Miracoli: oggetti volanti ben identificati


Di , 27 luglio 2018

Disclaimer | Perché sta succedendo?

Qualche giorno prima che succedesse, ma abbastanza in anticipo perché la sicurezza non fosse ancora così coccolosa, mi sono ripromesso che se effettivamente Cristiano Ronaldo fosse arrivato alla Juventus, avrei acquistato Miracoli. Non conoscevo Miracoli, tranne quello della squadra che arriva terza e vince comunque lo scudetto. Miracoli ha conosciuto me, attraverso lo stand delle riviste-per-vecchi di un Esselunga… e lì ho capito. Ogni settimana comprerò il nuovo numero, fintanto che CR7 rimane ai servigi dei nobili piemontesi. E quando possibile, non faccio promesse sulla costanza e la periodicità, ne riporterò qui. Al “miracolo” della settimana, quello sparato grosso in copertina, verrà anche assegnata una valutazione in beppi, da uno a cinque Beppe Marotta, vero artefice di ciò che è ultraterreno eppure terreno.


Miracoli, anno VI, n° 27 (27 luglio 2018)

Il miracolo della settimana

“Il miracolo dell’ostia visto da mons. Lustiger”. Bravi ragazzi, brava redazione, questa volta si fanno le cose per bene, con materiale di primissimo livello. Il 7 novembre del 1999, quando la gente per bene stava già sfondando il suo Dreamcast nuovo di pacca, nella Basilica inferiore a Lourdes ci si trastullava con una celebrazione che sarebbe passata alla storia. “Tutto è accaduto al momento dell’epiclesi, cioè quando i sacerdoti stendono le mani invocando lo Spirito Santo. L’ostia si è sollevata oscillando, poi è rimasta stabilmente sospesa per aria a qualche centimetro dall’ostia sottostante, […] fino alla fine della recita della preghiera di consacrazione”, così si dice, così si riporta. Chi ha letto la prima puntata di questa, già scoppiettante, collana di post, ricorderà che ci eravamo dovuti accontentare del “miracolo del matrimonio tra Rita e Stefano”, con quella storiaccia pessima della prenotazione del ristorante. Insomma, non serve manco dirlo, qui si svolazza su ben altri piani. Applausi e solo una puntina di delusione: possibile che alla vista del dischetto volante nessuno abbia gridato “pool” ed estratto un fucile?

Beppometro:

 

 

 

Fuffologia assortita

Altra roba che ho letto in questo numero di Miracoli:

  • Padre Pio ovunque, in copertina, in due articoli, nelle pieghe del tempo. Padre Pio è il Fortnite che non passa mai di moda.
  • In un articolo dedicato al trapasso dei propri cari, l’autrice ci tiene a sottolineare per righe e righe tutti i motivi per cui bisognerebbe soffrire come cani. Ben fatto!
  • Un approfondimento sulla storia delle edicole di Roma. In cui però non si vendevano Le Ore. Si parla di altre edicole.
  • Paginone centrale per Santa Maria di Betania, patrona del JPG compresso e arrubbato
  • I santi della settimana che mi fanno più ridere perché hanno i nomi bufi: San Pantaleone (27 luglio), San Vittore (28 luglio, intercedi per Fassone), San Lupo di Troyes (29 luglio, rappresentante sindacale dei Castlevania).

Miracoli effettivi del Nostro

[la stagione non è ancora cominciata]

Anche questo elettrizzante appuntamento con “Miracoli, sponsored by Campedelli” è tutto. Se avete commenti infilateli pure nel modulo qua sotto, occhio che sono 3 Euri a botta!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

2 commenti su “Miracoli: oggetti volanti ben identificati