Miracoli: il ristorante e Santa Caterina


Di , 18 luglio 2018

Disclaimer | Perché sta succedendo?

Qualche giorno prima che succedesse, ma abbastanza in anticipo perché la sicurezza non fosse ancora così coccolosa, mi sono ripromesso che se effettivamente Cristiano Ronaldo fosse arrivato alla Juventus, avrei acquistato Miracoli. Non conoscevo Miracoli, tranne quello della squadra che arriva terza e vince comunque lo scudetto. Miracoli ha conosciuto me, attraverso lo stand delle riviste-per-vecchi di un Esselunga… e lì ho capito. Ogni settimana comprerò il nuovo numero, fintanto che CR7 rimane ai servigi dei nobili piemontesi. E quando possibile, non faccio promesse sulla costanza e la periodicità, ne riporterò qui. Al “miracolo” della settimana, quello sparato grosso in copertina, verrà anche assegnata una valutazione in beppi, da uno a cinque Beppe Marotta, vero artefice di ciò che è ultraterreno eppure terreno.


Miracoli, anno VI, n° 25 (19 luglio 2018)

Il miracolo della settimana

“Il miracolo del matrimonio tra Rita e Stefano”: sembra abbastanza evidente la mancanza di fatti sugosi questa settimana, tocca ripiegare sulla coppia individuata da Don Francesco Cristofaro, pronta a confidare che “la forza della nostra unione è la Madonna”. Insomma ragazzi, nessun vero miracolo, perlomeno nulla che abbia a che fare con moltiplicazioni dei pesci (eppure qualcuno ce n’è), gente che lievita tipo il mago di Segrate o acque che si spalancano nei mari con grande scorno di Salvini. Rita e Stefano si amano, si sposano, ma prima c’è il momento della crisi: discutono in auto, per Rita è tutto finito (dopo un litigino così? Sceneggiatura pezzente)… a meno che la Madonna non intervenga. E lei, stakanovista, lo fa. Lo fa, per riassumere (ma nemmeno troppo), permettendo alla coppia di trovare il ristorante per il ricevimento libero esattamente nel giorno del matrimonio.

Il livello di affidabilità e di miracolismo mi pare si aggiri attorno a quello del gol del Cesena di Mario Beretta, ma potrebbe essere un problema mio. Vediamo come la pensa il nostro…

Beppometro:

 

 

 

Fuffologia assortita

Altra roba che ho letto in questo numero di Miracoli:

  • Padre Pio mena(va) la gente che mette in dubbio l’esistenza dell’angelo custode
  • Lisa, ex Sanremo e fresca vincitrice di uno show della Rai, deve il successo (il che?) sempre a Padre Pio
  • Grande attenzione a Santa Caterina da Siena, di cui si illustrano vita, morte e miracoli. In senso letterale. Questi ultimi corrisponderebbero in buona parte a gente guarita dalla lebbra. Non mi ha convinto.
  • Paginone centrale per Sant’Enrico (intercedi per la venuta del figlio tuo, Federico)
  • I santi della settimana che mi fanno più ridere perché hanno i nomi bufi: Sant’Amalberga (10 luglio), San Sila (13 luglio, zeru tituli pure quest’anno), San Camillo De Lellisa (14 luglio).

Miracoli effettivi del Nostro

[la stagione non è ancora cominciata]

Per questo primo appuntamento con “Miracoli, storia del movimento 5 stelle” è tutto. Se avete commenti salaci, noiosi, offensivi o cretini non esitate: non sarete certo i primi o gli ultimi!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

4 commenti su “Miracoli: il ristorante e Santa Caterina